Exhibition 2.12. – 4.12.2016

Weapons of Perfection

2.12.2016 to 4.12.2016

MFA GRADUATION SHOW  

Alchimia Contemporary Jewellery School Florence 

CHIASSO PERDUTO, via Coverelli 4/R

 

mostra.11

The unconscious is sitting on my shoulders, whispering, calling for revolution. The giant grandpa wants to teach me how to move, how to smile, how to behave. I shave my hair.

Weapons of Perfection is the result of a two-year research revolving around issues on social behavior and norms that define and direct human interactions.

This body of work is presented as an installation and dialogue between body and objects, photography and video. The work is divided in chapters, each representing a specific type of instruction, concerned with the shaping of posture and mind.

Exploring an alphabet of forms implied in our daily life. The apple, weapon of knolege. The pacifier, artifice of compensation. The smile, trick of expression. The handle, temptation of contact. The posture, imposition of openness. The chain, distorted bond.

The thoroughly finished artifacts invite touch, but resist use, if seen as weapons.

Weapons of Perfection offers a view on the invisible social constrictions and boundaries with which we can be confronted.

flyer-grande

Weapons of Perfection, è una riflessione sulle convenzioni sociali che regolano l’interazione tra individuo e gruppo. Due anni di ricerca artistica – attraverso il corpo, oggetti, fotografie e video – hanno condotto Lilian Mattuschka ad identificare automatismi ai quali attribuisce una norma, un’istruzione, un oggetto.

L´arma della conoscenza, la mela. L’artificio della suzione, il ciuccio. Il tradimento dell’espressione, il sorriso. L’invito al contatto, il manico. L´apertura per imposizione, la postura. Il legame falsato, la catena.

Capitoli di un percorso visivo che racconta le invisibili costrizioni sociali a cui siamo assoggettati: la sensazione è dunque quella di ripercorrere, passo dopo passo, non solo remoti insegnamenti, ma di esplorare un alfabeto di forme implicite al nostro quotidiano vivere.

I manufatti, lavorati finemente, invitano al tatto ma respingono l’uso se identificati per quello che realmente sono, armi.

Strumenti per modificare corpo e mente, colmare le assenze materne, smorfie in cui nascondere le reali intenzioni, tutti espedienti di una socialità condivisa e tacitamente accettata.